La polizia spagnola arresta un truffatore per aver presumibilmente frodato 1 miliardo di dollari in bitcoin

  • von

La polizia spagnola arresta Santiago Fuentes, il fondatore e gestore di una società commerciale di Bitcoin Revolution che avrebbe truffato 120.000 utenti.

La polizia spagnola ha arrestato Santiago Fuentes, il fondatore e gestore di una società di trading BTC, per aver presumibilmente truffato 120.000 utenti. Fuentes avrebbe raccolto oltre 1 miliardo di dollari con la promessa di enormi profitti garantiti agli investitori.

La polizia ha arrestato Fuentes in una delle sue case a Tenerife, un’isola della Spagna. Fuentes è il fondatore di Arbicorp, una società nota soprattutto per la sua piattaforma di investimenti bot BTC, Arbistar 2.0. Ha promesso agli investitori alti profitti, alcuni fino all’1% di rendimento giornaliero.

Fuentes è accusata di riciclaggio di denaro sporco e frode

In precedenza, Arbicorp ha congelato tutti i fondi dei suoi utenti a settembre, scatenando i timori di una truffa di uscita. La società ha annunciato che avrebbe anche chiuso il suo bot di trading dopo che un malfunzionamento del sistema ha portato a un enorme errore di calcolo dei profitti degli investitori. Arbicorp avrebbe pagato troppo ai suoi investitori per 46 settimane. Tuttavia, Fuentes ha negato le affermazioni che la sua società fosse uno schema Ponzi.

Le autorità non sono convinte dalle richieste di buona volontà di Fuentes, poiché secondo il locale punto vendita La Provincial, lo hanno arrestato il 21 ottobre. Le autorità spagnole hanno accusato Fuentes di frode, riciclaggio di denaro sporco e di appartenere a un’organizzazione criminale.

Fuentes ha rassicurato ripetutamente gli investitori sui rimborsi

Fuentes aveva ripetutamente assicurato agli investitori che la sua azienda li avrebbe rimborsati a tempo debito. In uno dei suoi video su YouTube, ha citato di aver girato il video a casa sua come prova che non si stava nascondendo o scappando. Tuttavia, come per La Provincial, Fuentes ha quattro case e alterna la residenza ogni tanto.

Secondo il notiziario locale, la polizia avrebbe fatto irruzione in tutte e quattro le sue case per paura di minacce di morte. L’indagine sullo studio è iniziata il mese scorso dopo che alcuni investitori scontenti hanno sporto denuncia alla polizia.